Le frazioni di Masera

Data: 2/05/2021
Partenza: Masera
Punti intermedi: Lago di Onzo
Quota max: circa 700 m
Dislivello in salita: circa 400 m
Sviluppo tot: 9,5 km circa (anello)
Difficoltà: T/E
Tempo impiegato: 4:30 circa, escluse soste
Accesso: da SS33 del Sempione, uscita Masera/Val Vigezzo, arrivare alla Chiesa di S. Martino all’inizio del paese
Parcheggio: disponibilità di parcheggi alla Chiesa di S. Martino

rating-stars-3

Gita in Valdossola tra le frazioni rurali di Masera su mulattiere, sentieri e brevi tratti di asfalto. Si attraversano vigneti, boschi e borghi abitati, oltre che frazioni abbandonate, passando per il piccolo Lago di Onzo. Questo itinerario ricalca per buona parte il “percorso verde” di Masera, segnato appunto con un bollo verde.

Partiamo dalla Chiesa di S. Martino e, dopo aver fotografato il bell’Oratorio di Sant’Abbondio all’ingresso del paese, saliamo per Via Carale, tenendo poi la destra dopo un centinaio di metri.

Continua a leggere Le frazioni di Masera

Bosco Faggiole, Parco del Ticino

Data: 28/02/2021
Partenza: Lido di Turbigo
Sviluppo tot: 11 km circa (anello)
Difficoltà: T/E
Tempo impiegato: 3:30 circa, escluse soste
Accesso: SS341 da Castano Primo verso Galliate, appena prima del ponte sul Ticino svoltare a sinistra e dopo 100m parcheggiare al Lido
Parcheggio: disponibilità di parcheggi presso il Lido di Turbigo

rating-stars-2

Lunga passeggiata nel Parco lombardo del Ticino, tra il Lido di Turbigo e il Bosco Faggiole, su sterrati e sentieri di facile percorrenza. Unico punto “difficoltoso” un guado in acqua bassa per passare un canaletto.

Dopo aver parcheggiato presso il Lido di Turbigo ci incamminiamo verso nord per fare il giro della ex-cava ora laghetto per pesci e uccelli (e non solo…)

Continua a leggere Bosco Faggiole, Parco del Ticino

Anello della Val Molinera

Data: 21/02/2021
Partenza: Diga Nord Lago Delio
Punti intermedi: Monti di pino, Alpe di Piero
Quota max: circa 1250 m
Dislivello in salita: circa 350 m
Sviluppo tot: 11 km circa (anello)
Difficoltà: E
Tempo impiegato: 4:45 circa, escluse soste
Accesso: a Maccagno prendere la SP5 che risale la valle, superata Caviggia svoltare a sinistra verso Campagnano. Superare Musignano e al bivio per il passo Forcora proseguire tenendo la sinistra. Al lago Delio continuare fino a scendere sulla destra ai piedi della diga.
Parcheggio: disponibilità di parcheggi (pochi) al termine della strada asfaltata

rating-stars-3

Giro ad anello in una valle secondaria della Val Veddasca, tra faggete, alpeggi e natura selvaggia. Bella escursione non particolarmente impegnativa, anche se la presenza di neve molle ha reso l’avanzamento faticoso in alcuni tratti.

Lasciamo l’auto alla fine della strada asfaltata alla diga nord e, preso il sentiero n.143 per Monti di Pino, superiamo la vasca di raccolta e affianchiamo per un lungo tratto il canale che raccoglie l’acqua a monte della diga.

Continua a leggere Anello della Val Molinera

Monte Scerrè e Mondonico

Data: 14/02/2021
Partenza: Cunardo, Loc. Riano
Punti intermedi: Madonna degli Alpini
Quota max: circa 800 m
Dislivello in salita: circa 300 m
Sviluppo tot: 10 km circa (anello)
Difficoltà: E
Tempo impiegato: 4:15 circa, escluse soste
Accesso: lungo la SP43 a Cunardo, svoltare su SP30 per Bedero Valcuvia. Superare il Centro Sci di Fondo e dopo circa 500m si trova l’inizio del sentiero.
Parcheggio: pochi parcheggi a lato strada

rating-stars-2

Tra Valcuvia e Valganna ci sono due modeste alture di scarso interesse escursionistico, Monte Scerrè e Monte Mondonico. Il versante nord è però caratterizzato dalla presenza di manufatti delle fortificazioni militari della Prima Guerra Mondiale, pertanto con un rilevante interesse storico-culturale. Questa gita è indicata di media difficoltà soprattutto per le acrobazie che abbiamo dovuto fare a causa dei numerosi alberi caduti lo scorso autunno.

All’inizio del sentiero indicato con un evidente cartello “linea Cadorna” troviamo delle ruspe e chiari segni di alberi caduti lo scorso autunno a causa del forte vento e dei nubifragi che hanno interessato la zona.

Continua a leggere Monte Scerrè e Mondonico

Valle Olona, da Cairate a Castiglione O.

Data: 6/02/2021
Partenza: Cairate
Punti intermedi: Torba
Sviluppo tot: 17,5 km circa
Difficoltà: T/E
Tempo impiegato: 4:15 circa, escluse soste
Accesso: dal centro di Cairate (Via XX Settembre)
Parcheggio: alcuni parcheggi a Cairate in via D. Alighieri o in Via Roma

rating-stars-2

Percorso pianeggiante lungo la ciclopedonale della Valle Olona, che ricalca la linea della vecchia ferrovia della Valmorea; tratto da Cairate a Castiglione Olona, passando per il Monastero di Torba e per diverse aree di archeologia industriale. Percorso adatto per giornate nebbiose o uggiose. La gita è indicata di media difficoltà esclusivamente per la lunghezza andata-ritorno.

Lasciamo l’auto a Cairate e scendiamo verso l’Olona dove c’è l’ex cartiera Vita-Meyer, storica industria chiusa dalla fine degli anni Settanta, il punto in cui ero arrivata la volta scorsa partendo da Marnate.

Continua a leggere Valle Olona, da Cairate a Castiglione O.

Alpone di Curiglia

Data: 8/01/2021
Partenza: Curiglia
Punti intermedi: Sarona
Quota max: circa 1250 m
Dislivello in salita: circa 600 m
Sviluppo tot: 7 km circa
Difficoltà: E
Tempo impiegato: 4:00 circa, escluse soste
Accesso: SP6 da Luino a Dumenza, proseguire per Stivigliano e Due Cossani e poi Curiglia
Parcheggio: disponibilità di pochi parcheggi nei pressi della chiesa a Curiglia

rating-stars-4

Bellissima ciaspolata in Val Veddasca, da Curiglia all’Alpone, un alpeggio baciato dal sole con baite ben ristrutturate e la Chiesa della Madonna della Guardia in posizione panoramica. Abbiamo percorso un tratto nel bosco tra Sarona e Alpone nella neve immacolata: fatica e felicità!
Bisogna approfittare dei pochi giorni “gialli” che ci consentono di spostarci per le gite in montagna, e anche oggi come la volta scorsa abbiamo la fortuna di trovare una giornata limpidissima e tanta bella neve fresca.

Lasciamo l’auto nei pressi della chiesa di Curiglia e ci avviamo per le stradine del paese risalendo fino alla strada che porta a Sarona. La seguiamo calpestando la neve già battuta senza bisogno, per ora, di calzare le ciaspole.

Continua a leggere Alpone di Curiglia